sabato 25 luglio 2015

L'area archeologica del Portico di Ottavia e il Ghetto

Domenica 26 luglio  h. 18.00 

Un itinerario alla scoperta di un rione ricco di storia: visiteremo l’area archeologica del Portico di Ottavia, vedremo i resti del Tempio di Apollo e di quello di Bellona, avremo modo di parlare del Teatro di Marcello, riutilizzato nel Medioevo come fortezza. 
Ci addentreremo poi nelle vie del ghetto che per secoli hanno visto convivere a pochi passi di distanza le fatiscenti case ebraiche e i palazzi di illustri famiglie romane (i Lovatelli, i Cenci, i Mattei), dove fino al XIX secolo pescivendoli e popolani affollavano fin dalle prime ore del giorno l'area sottostante ai monumentali resti del Portico di Ottavia per il quotidiano mercato del pesce. 
E. Roesler Franz, fine XIX sec. Sullo sfondo si nota il Portico di Ottavia.

Passeremo per Piazza Mattei al cui centro sorge la Fontana delle Tartarughe di cui scopriremo il progetto originario senza le tartarughe, aggiunte successivamente. Scopriremo l'origine della parola ghetto o meglio ghèto in veneziano, quando e da chi è stata decisa la sua costruzione a Roma e quali erano i suoi confini.
L’itinerario terminerà davanti all’imponente edificio del Tempio Maggiore, la sinagoga di Roma realizzata agli inizi del Novecento. 
Appuntamento: Via del Portico di Ottavia, 29, h. 18.00.
Costi: 8€ visita guidata. 
Durata: h. 1.30 circa.
Prenotazione consigliata. Minimo partecipanti 5, massimo 20.


Info e prenotazioni  
 pan.archeologia@gmail.com
 393 31 00 313

Nessun commento:

Posta un commento